Archivi categoria: Lo sapevi che…

Silvio Berlusconi forse fa Spam

Per chi ancora non lo sapesse, tutte quelle email che riceviamo pubblicizzando viagra e pillole miracolese si chiamano Email Spam. Ossia pubblicità non gradite. Email non più fastidiose ma mericolose sono quelle chiamate Phishing. Ossia email inviate da truffatori per rubare soldi a i poveri malcapitati di turno.

C’è stata la volta dell’avvocato e poi dal poliziotto con i loro virus. Vincite straordinarie e importanti uomini facoltosi disposti a spartire con te parte del loro bottino se eri disposto prima tu a investire un po del tuo. Molte volte sono stati usati nomi fittizzi e altre volte nomi reali di ignari soggetti. Oggi sembrerebbe il turno di Silvio Berlusconi.

Il testo in inglese, afferma che a causa di problemi legali, il Cavaliere deve reciclare un’ingente somma di denaro, ovviamente per il disturbo sarete ben ricompensati.

Non so se è vera questa email truffa, o scritta da qualcuno ad arte per farsi pubblicità scrivendo di spauracchi inesistenti. Tuttavia ne io ne i miei contatti l’abbiamo ancora ricevuta. E si che noi di spam ne riceviamo a tonnellate. Ecco perchè ho sempre usato il condizionale

Riporto comunque qua sotto parte del testo.

From: Mr. Silvio Berlusconi [mailto:secretary@silvio-word.it]
Sent: Monday, May 14, 2007 5:25 PM
To: undisclosed-recipients:
Subject: Hello!
Good day.
Please, understand my reason for contacting you today through this medium; I am Mr. Silvio Berlusconi, Former Italian Prime Minister who was charge for purchasing of movie and television rights at Mediaset. Despite the accusation levy against me, I have be working tremendously to support the less privileged in the society.
Upon all the effort and support I have made, the Italian Government lead by it attorney general has probe my effort and tend to confiscate my wealth and money I deposited with a bank firm in The Netherlands which amounted to 10, 562, 987.00EUR. I will not disclose the bank for now, due to the investigation to scramble all my wealth.
See the web link for more details:

http://www.guardian.co.uk/italy/story/0,,1815571,00.html

L’email continua spiegando il funzionamento del sistema.

Se vi interessa leggere per intero tutto il testo andate qui

Caso SMS vocale di Vodafone

Dopo la bufera dei giorni scorsi, ci sono state una serie di botta e risposta tra il colosso di telefonia e l’utenza della stessa. Ecco il riassunto a tutta la vicenda.

  • Il 4 Marzo 2006: fine dei costi di ricarica
  • Il 6 Marzo 2006: viene attivato all’insaputa di tutti gli utenti Vodafone una nuova opzione riassunta in “Ricezione SMS vocale” e “Notifica ricezione SMS vocale
  • Dal 19 Marzo 2006 incomincia a circolare una email in cui si faceva sapere che la Vodafone aveva attivato due nuovi servizi (con i relativi costi tra l’altro sbagliati) e di come fosse possibile disattivare tali opzioni andando sul sito 190.it
  • La procedura guidata per la disattivazione del servizio risulta poco efficente tanto che il più delle volte non funziona il che si è costretti a chiamare il numero 190.
  • Il sito 190.it viene preso sempre di più d’assalto dagli utenti tanto che il sito rimane chiuso per un breve lasso di tempo190 chiuso
  • Il 21 Marzo 2006 viene sospeso il servizio.
  • Lo stesso giorno viene spedita una mail a tutti gli iscritti al potale 190.it con i chiarimenti, da parte della Vodafone, su tutta la vicenda

In cosa consisteva questo servizio nel quale molti utenti si sono sentiti minacciati? Bè il servizio è stato chiamato SMS voce che con molta probabilità è stato scambiato con un nuovo sistema di segreteria telefonica spilla soldi.
Il sistema funzionava così: tu chiami, spendi per lasciare un messaggio che a sua volta veniva spedito all’interessato e se il destinatario del messaggio aveva un telefono compatibile poteva ascoltare il messaggio senza nessun tipo di costo aggiuntivo.

Da parte loro il servizio è reputato rivoluzionario in quanto doveva servire a far si che non si usasse il vecchio sistema di segreteria telefonica in cui sia chi chiama e chi ascolta il messaggio è costretto a pagare.

Considerazioni:

  1. Il servizio non ha nulla di “rivoluzionario” tantè vero che la tim aveva già attivato un servizio analogo un mese prima.
  2. La Vodafone afferma che tale servizio non voleva essere un mezzo per recuperare i costi di ricarica perduti, anche se la tempistica con cui è stato attivato il sistema è molto sospetta.
  3. Se il colosso di telefonia era così in buona fede perchè non fare tutto alla luce del sole e con trasparenza invece di attivare un servizio all’insaputa dell’utenza?
  4. Se io voglio modificare i servizi associati al mio numero di telefono sono costretto a comprare una tessera servizi. Ma se ho già disattivato tale servizio, perchè in passato l’ho reputato non ideneo alle mie necessità, perchè tu Vodafone mi attivi un servizio analogo?
  5. Non deve esserci l’autorizzazione da parte mia per l’ativazione o la modifica al mio contratto? Tanto vale che i gestori di telefonia ci dicano quanto vogliono tanto se possono e fanno quello che gli pare con i nostri contratti noi gli serviamo solo come “mucche da latte”.

Bufala: scaricare file protetti non e’ illegale

Parlando con un cliente è venuto fuori che secondo una sentenza recente della Corte di Cassazione scaricare file protetti da copyright sarebbe legale se non è per scopo di lucro.

FALSISSIMO!

Nel marzo del 2005 fu approvata la Legge Urbani ove afferma chiaramente che scaricare file protetti da diritto d’autore non è legale. Facendo una rapida ricerca notiamo che Internet riporta questa notizia falsa.

Ma perchè falsa?

I “protagonisti” della vicenda, commisero il reato nel lontano 1999, sono stati si giudicati dalla Corte di Cassazione recentemente ma applicando le normative in vigore all’epoca dei fatti, quindi senza applicare la legge Urbani. L’Ansa e addirittura Punto Informatico ne parlano dove quest’ultimo oggi rettifica mettendo le cose in chiaro.
Vorrei quindi avvertire tutti quelli che sono avversi a tale pratica di non ritenersi nel giusto!